SERVIZI

RESIDENZA SANITARIA

RESIDENZA SANITARIA

La Residenza Sanitario Assistenziale Giuseppina Prina opera ad Erba fin dal 1938. Infatti con la morte della Signorina Giuseppina Prina, avvenuta nel 1925, la grande Casa di proprietà della famiglia Prina, situata in zona centrale a Erba, veniva lasciata in eredità per la sua trasformazione in un Ospedale per i poveri.

Dopo un lungo procedimento burocratico, durante il quale fu redatto uno Statuto che modificava l’originaria destinazione della proprietà ad uso di Ospedale, in quella di Ricovero per anziani, il 23.04.1931 fu emanato il Regio Decreto che riconosceva in Ente Morale il costituendo “Ricovero di Inabili al lavoro Giuseppina Prina”.
A causa di numerose difficoltà burocratiche e finanziarie, il nuovo Ente iniziò la propria funzionalità il 1° gennaio 1938.

Presentazione

La R.S.A. dispone di n. 202 posti letto, di cui n. 20 Alzheimer ed è autorizzata, accreditata e contrattualizzata presso la Regione Lombardia. Pertanto, a fronte del possesso di specifici standards strutturali e gestionali, periodicamente monitorati dai nuclei operativi di controllo istituiti presso la ATS di pertinenza, la R.S.A. riceve dei contributi giornalieri per l’accoglienza degli anziani Ospiti. Tali finanziamenti, che si aggiungono alle rette di ospitalità, risultano indispensabili al funzionamento della Casa, che opera senza scopo di lucro.

Progetto di assistenza

Gli anziani rappresentano un patrimonio per la società, perché in loro si identifica la crescita, il progresso e la memoria culturale di una popolazione.
L’assistenza dovuta agli anziani si fonda sull’educazione al riconoscimento ed al rispetto dei loro diritti, oltre che sull’adempimento puntuale di una serie di doveri da parte della società.

La persona anziana, in caso di perdita parziale o totale della propria autonomia ed autosufficienza, deve essere messa in condizione di godere e di conservare la propria dignità e il proprio valore.

Il progetto di assistenza presso la R.S.A. mira a rispettare l’individualità di ogni persona anziana, riconoscendone i bisogni e realizzando gli interventi adeguati, con riferimento a tutti i parametri della sua qualità di vita e non in funzione esclusivamente della sua età anagrafica.

Al momento dell’ingresso nella R.S.A. risulta indispensabile avere informazioni precise e dettagliate, non solo sulla salute psico-fisica dell’anziano, ma anche sulle sue abitudini e sul suo ambiente di provenienza.
E’ altresì utile un’attenta valutazione multidisciplinare, così che si possa dare alla persona anziana, da subito, un’assistenza adeguata e personalizzata.
Al momento dell’entrata del nuovo Ospite è richiesta la presenza attiva della Coordinatrice, del Medico, dell’Infermiera di reparto e dell’Educatore.
E’ pertanto indispensabile la presenza di almeno un parente, anche quando l’Ospite provenga da un Ospedale.

La fase di inserimento è importante anche per raccogliere ulteriori notizie sul nuovo Ospite: attitudini, risorse proprie ed esterne, legami, eventuali problemi relazionali con i familiari, abitudini di vita, possibilità di coinvolgimento rispetto alle scelte per il futuro.
E’ un momento carico di emozioni, quanto mai opportuno per raccomandare ai familiari di farsi presenti con assiduità e costanza all’interno della Residenza.

La Casa riconosce e favorisce l’apporto continuativo dei familiari, che potranno rivolgersi al Medico di Nucleo (gli orari di ricevimento sono esposti in bacheca di Nucleo) per richiedere informazioni sullo stato di salute del proprio congiunto e per collaborare e condividere il progetto e i piani di assistenza.

Tariffe

Residenti nel Comune di Erba

  • Grado di fragilità grave € 60,50 al giorno
  • Supplemento camera singola € 10,00 al giorno

Residenti negli altri Comuni

  • Grado di fragilità grave € 63,00 al giorno
  • Supplemento camera singola € 10,00 al giorno

Con la prima retta viene richiesto un importo di € 600.00 quale “una tantum” a fondo perduto per compartecipazione spese di ammissione.


La retta è omnicomprensiva di tutti i servizi erogati, ad esclusione dei seguenti:

  • acquisto di biancheria ed effetti ad uso personale
  • spese telefoniche
  • cure odontoiatriche
  • protesi dentarie e protesi diverse, utilizzate da Ospiti con problemi di disorientamento cognitivo temporaneo o permanente o che ne rifiutano il posizionamento, in quanto potrebbero essere smarrite, rotte o nascoste. Cause non derivanti da imperizia del personale.
    trattamenti estetici
  • visite specialistiche private richieste dall’Ospite/Familiare
  • assistenza ospedaliera in caso di ricovero
  • trasporti sanitari verso presidi fuori Erba (vedi informazioni e regole di convivenza)
  • spese funebri.

Il pagamento della retta avviene mensilmente in forma anticipata mediante SDD bancario, con diritto alla restituzione di 15 giorni di retta, qualora il decesso dell’Ospite avvenga entro la prima quindicina del mese. 

Carta dei servizi e Modulistica per accesso

Al fine della presentazione della domanda occorrerà consegnare presso gli Uffici Amministrativi della Fondazione sia la > Domanda unica ATS Insubria (richiede certificato Medico Medicina Generale) che il modulo  > Informative/Obbligazioni; è inoltre possibile visionare il > Contratto di ingresso che dovrà essere sottoscritto al momento del ricovero.

All’atto della presentazione della domanda è richiesto il versamento di una somma, infruttifera di interessi, pari ad € 100,00, che verrà restituita, mediante consegna della ricevuta rilasciata, in caso di rinuncia definitiva al posto.

Al momento della presentazione della domanda è possibile fare richiesta di poter disporre di una camera singola.
E’ possibile richiedere di effettuare una visita guidata della Struttura, previo appuntamento, concordato con la Coordinatrice o con l’Addetta dell’Ufficio relazioni con il pubblico.

Orari segreteria:

Lun – Ven dalle 9.00 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18.00
Sabato dalle 9.00 alle 12.30

> Visualizza la carta dei servizi RSA


La misurazione della soddisfazione del cliente
La valutazione della soddisfazione del Cliente viene svolta attraverso la compilazione di un questionario costituito da una serie di domande: tali domande sono relative a giudizi sui servizi erogati (servizi amministrativi, servizio di ospitalità e servizi generali) e sullo standard percepito di organizzazione ed efficienza. I questionari vengono somministrati, con cadenza annuale, agli Ospiti i quali, nella compilazione, possono avvalersi dell’aiuto di un familiare o di altra persona di fiducia. E’ prevista la somministrazione del questionario anche per i Familiari. I risultati vengono analizzati in équipe, esposti in bacheca e pubblicati sul sito della Fondazione.

> Visualizza i questionari di soddisfazione del Cliente